Dal 12 marzo 2016 il lavoratore deve comunicare le proprie dimissioni o la risoluzione consensuale del rapporto lavorativo attraverso una nuova procedura online, introdotta dal decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 151, disponibile sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

È previsto l’utilizzo di appositi moduli resi disponibili dal Ministero del Lavoro e trasmessi al datore di lavoro e alla Direzione Territoriale del Lavoro competente.

Il lavoratore, entro sette giorni dalla data di trasmissione del modulo previsto dalla nuova disciplina, ha la facoltà di revocare le proprie dimissioni e la risoluzione consensuale con le medesime modalità (art. 26, comma 2, del D.Lgs. n. 151 del 2015).

L’iniziativa ha l’obiettivo di contrastare il fenomeno delle “dimissioni in bianco” che penalizza in particolare alcune categorie di lavoratrici e lavoratori.

La nuova modalità per il rilascio delle dimissioni , di cui all’art. 26 del D.Lgs. n. 151 del 2015, che si applica a tutti i casi di recesso unilaterale del lavoratore e ai casi di risoluzione consensuale di cui all’art. 1372, comma 1, del codice civile, riguarda tutti i rapporti di lavoro subordinato ad eccezione dei seguenti:

  1. rapporti di lavoro domestico e i casi in cui il recesso interviene nelle sedi c.d. “protette”;
  2. recesso durante il periodo di prova di cui all’art. 2096 del c.c.;
  3. dimissioni o risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro presentate dalla lavoratrice nel periodo di gravidanza o dalla lavoratrice/lavoratore durante i primi tre anni di vita del bambino, che dovranno ancora essere convalidate presso la Direzione del Lavoro territorialmente competente;
  4. rapporti di lavoro marittimo;
  5. rapporti di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni.

 

A CHI È RIVOLTO 

A tutti i lavoratori e le lavoratrici che intendono comunicare le proprie dimissioni.

 

COME FUNZIONA

È possibile comunicare le proprie dimissioni compilando autonomamente il form online per la trasmissione della comunicazione disponibile accedendo al servizio online dedicato.

 

RILASCIO DIMISSIONI IN AUTONOMIA

Se si esegue l’accesso dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si viene comunque reindirizzati sul sistema di controllo accessi dell’INPS per l’autenticazione con le proprie credenziali.

È indispensabile essere in possesso del PIN INPS.

 

Per ulteriori dettagli è disponibile un video tutorial per gli utenti pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
> video tutorial
> accedi al servizio

 

RILASCIO DIMISSIONI CON SUPPORTO

In alternativa, è possibile rivolgersi a un soggetto abilitato (patronato, organizzazione sindacale, ente bilaterale, commissioni di certificazione, consulenti del lavoro, sedi territoriali dell’Ispettorato nazionale del lavoro) che avrà il compito di compilare i dati e inviarli al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per conto del lavoratore.

 

 

APPROFONDIMENTI

> consulta la guida
sito Ministero del lavoro

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

Artt. 26 D.lgs. 151/2015