La domanda di NASpI o di DIS-COLL equivale alla DID. Pertanto coloro che hanno presentato tale domanda all’INPS non devono rilasciare la DID.

Lo stato di disoccupazione, anche per i percettori di NASpI o di DIS-COLL, deve essere confermato con la sottoscrizione di un Patto di Servizio Personalizzato (PSP). Nel PSP verranno indicate le attività che la persona si impegnerà a svolgere per la ricerca di un’occupazione.

La normativa (artt. 20 e 21 D.lgs. n.150/15) prevede che il cittadino si presenti di propria iniziativa presso i servizi competenti per sottoscrivere il PSP, entro 15 – 30 giorni dal rilascio della DID o della domanda di indennità di disoccupazione resa all’INPS. Tali termini tuttavia non sono perentori.

In occasione del primo colloquio fissato, dovrà presentarsi con i documenti identificativi e la ricevuta rilasciata da INPS recante gli estremi (data e n. protocollo) della domanda di NASPI – DIS-COLL.