Afol Metropolitana: le collezioni degli studenti di Afol Moda alla Fashion Graduate Italia

Afol Metropolitana: le collezioni degli studenti di Afol Moda alla Fashion Graduate Italia

Sei collezioni degli stilisti di Afol Moda, la scuola di fashion dedicata alla formazione post diploma di Afol Metropolitana, sfilano alla Fashion Graduate Italia. L’evento, organizzato da Piattaforma Sistema Formativo Moda, è dedicato al settore moda e alle scuole che formano i futuri professionisti del fashion, in corso fino al 29 ottobre allo spazio Base, in via Bergognone 34 a Milano.

Oltre alla sfilata, Afol Moda è presente alla kermesse con l’esposizione di modelli e abiti realizzati dagli studenti. Si tratta di un allestimento che mette in scena l’esito dei diversi percorsi della scuola.  Tra questi, Afol Moda presenta Su la testa, un workshop di modisteria dedicato agli studenti, che si tiene domani dalle 10 alle 12 sempre al Base.  Durante il laboratorio, i partecipanti imparano a realizzare, partendo da un nastro di tessuto, un “fascinator”, un accessorio da indossare in occasioni speciali.

In passerella lunedì 29, alle 14.15, sfilano le collezioni di 7 ex studenti della scuola con linee dedicate a donna, bambina e lingerie. 

Le collezioni in passerella 

Kiki di Federica Ferrarese. Abiti-lingerie eccentrici e non convenzionali, caratterizzati da colori quali il beige, il cipria e il nude che rievocano la femminilità degli anni 20.

Danaide di Cecilia Aliprandi. In passerella sfilano abiti in cui la femminilità è celebrata da forme volutamente ridefinite, esasperate e deformate, dando vita a silhouette insolite. 

Intero di Alessandra Cerlesi. Le forme minimal e geometriche sono rese attuali dallo studio dei tagli e dalla costruzione dei colli che creano giochi di sovrapposizioni. I colori vedono come protagonisti il nero e il bianco. Stampe e ricami sono rigorosamente “fatti a mano”.

Oltre corpo di Stefania Albanese. Un progetto che concepisce le spalle come punto di forza. Volumi amplificati, linee inusuali, dettagli e cuciture a rilievo.

Concrete di Maria Aurelia Lattaruli. Linee essenziali e volumi maestosi muovono tele leggere alternate a tessuti fluidi, dettagli in pelle e cuoio e accenti metallici. Arricciature e plissé ingentiliscono proporzioni che sembrano rubate al guardaroba maschile. 

‘WO/MA’ di Silvia Cifaldi e Valeria Dalle Carbonare. Dedicata alla bambina, la collezione mixa jaquard floreali, disegni vagamente animalier abbinati al denim nella sua accezione più tradizionale. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *